ASAP – Actions for systemic aquifer protection

ASAP Project - LIFE06 ENV/IT/000255

Sintesi del progetto

Il progetto ASAP – Actions for systemic aquifer protection (LIFE06 ENV/IT/000255) è stato presentato sul Programma Life Environment.

Avviato nel 2006 e conclusosi nel 2009, ASAP ha avuto quale scopo principale quello di definire e dimostrare ad una scala rappresentativa la fattibilità tecnica ed economica di un protocollo d’azione per allontanare un acquifero da condizioni di vulnerabilità e di rischio di cambiamenti non reversibili delle sue caratteristiche.

Nato a seguito di un serio e urgente problema ambientale – la crisi dell’acquifero del Bientina (Pisa) – e di alcune considerazioni conseguenti, ASAP si è proposto di concentrare gli investimenti in un piano di azioni efficaci attraverso il controllo dinamico della pressione basato su un modello di rete che ha permesso di sviluppare una gestione orientata alla diminuzione delle perdite pur assicurando il servizio anche fronte di una domanda altamente fluttuante e orientata al minor prelievo.

Il progetto ha dimostrato come sia possibile avviare un circolo virtuoso trattando l’acquifero e i cittadini che ne beneficiano come un sistema integrato in equilibrio, in cui il fattore umano esercita una pressione decisiva che può però essere gestita a vantaggio dell’ambiente, dei cittadini stessi e dell’economia pubblica. ASAP ha prodotto una riduzione del 15% delle perdite totali rispetto al volume di acqua distribuita al rubinetto pari a 1,44 milioni di metri cubi (confronto dati medi annui 2005-2008) . Il prelievo dalla falda è diminuito dell’8,3% (volume 2008 rispetto ai volumi annui del 2005, prima del progetto) pari a 1,5 milioni di metri cubi per anno (equivalente al consumo medio annuo di 11.000 famiglie tipo). Come conseguenza si è invertito il trend negativo di abbassamento del livello di falda e i valori registrati sono risaliti.

L’intero processo è stato documentato, sottoposto alla valutazione di esperti e tradotto in un protocollo (il Protocollo ASAP) che è ora a disposizione dei decisori politici, dei responsabili tecnici e dei manager impegnati nella gestione dell’acqua e più in generale della pianificazione territoriale.

Il mainstreaming dell’approccio si è concretizzato negli incontri di discussione dei piani di emergenza con i Sindaci ma soprattutto nella volontà di inserirlo tra le strategie di intervento per risolvere le emergenze (Libro Bianco Una strategia per l’approvvigionamento idrico in Toscana, a cura della Commissione acqua di Cispel Toscana Confservizi, 2008).

Il progetto è stato coordinato da Acque Spa con un partenariato transnazionale italo-spagnolo che ha incluso Acque Ingegneria (oggi Ingegnerie Toscane), la Provincia di Pisa e l’ Instituto Tecnológico de Galicia.

Il valore complessivo del progetto è stato pari a quasi 2.500.000 €.

Ruolo di Klink nel progetto

Per la qualità della sua realizzazione ASAP è stato incluso dalla Commissione Europea tra le migliori pratiche sull’acqua a livello europeo degli ultimi 10 anni.

Klink, ha supportato il partenariato di progetto nelle fasi di identificazione dell’opportunità di sovvenzione comunitaria, nella verifica di coerenza dell’idea proposta, nella stesura della proposta (sia tecnica che finanziaria) per la presentazione alla Commissione Europea.

Ha accompagnato il capofila nelle fasi di contrattazione ed ha poi assunto il ruolo di supporto al project management (tecnico e finanziario), accompagnando il partenariato per tutto il suo percorso fino alla chiusura.

Sui risultati di ASAP, ha inoltre seguito la presentazione del progetto WIZ, un altro grande successo realizzato.

Ulteriore documentazione:

Il sito precedente è stato archiviato: ulteriori notizie e principali risultati del progetto ASAP sono rintracciabili sul database dei Progetti Life.

Share Button