Sicomar +

Sintesi del progetto

Il progetto SICOMAR plus – P.C. Interreg Italia-Francia “Marittimo” è iniziato il 1° giugno 2018 e termina il 31 maggio 2021; si tratta di un progetto strategico con 16 partner, distribuiti fra Toscana, Sardegna, Liguria, Corsica e PACA, che vede la Regione Toscana nel ruolo di capofila. L’area marina di cooperazione del progetto corrisponde al Santuario Pelagos, la principale Area Protetta di Importanza per il Mediterraneo (SPAMI), caratterizzata da un importante patrimonio naturale e sottoposta a forti pressioni antropiche.

Il progetto intende contribuire al miglioramento della sicurezza della navigazione nello spazio marittimo transfrontaliero, fortemente minacciato negli ultimi anni dall’aumento del traffico merci, soprattutto merci pericolose, e di passeggeri che attraversano il Mediterraneo settentrionale per lavoro e per turismo nautico o crocieristico e si si sviluppa su più piani interrelati: governance, tecnologie per la sicurezza in mare, sistemi integrati di previsione e servizi per la sicurezza.

Ruolo di Klink nel progetto

All’interno del progetto Sicomar+, Klink ha realizzato uno studio per conto dell’Office des Transports de Corse – Uffiziu di i trasporti di a Corsica in merito alle condizioni giuridiche e finanziarie per la messa in opera di un servizio di pilotaggio d’altura nelle Bocche di Bonifacio.
Lo studio si sviluppa su più dimensioni, senza mai perdere di vista gli obiettivi immediati di realizzazione del servizio, di fattibilità economica dopo la fine del sostegno finanziario INTERREG, la volontà di istituzionalizzare e consolidare il servizio a beneficio delle comunità, della gente di mare, dell’ambiente, nella prospettiva di influenzare le norme internazionali che concernono le Bocche di Bonifacio.
Il rapporto espone anche le diverse tracce di riflessione e di possibile intervento che sono state investigate.
Lo studio è destinato a OTC e alle istituzioni partner incaricate dell’attuazione del servizio di pilotaggio d’altura, offrendo loro il quadro concettuale e delle idee pratiche di soluzione.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *